Ucsi

  • Gli obiettivi del nuovo direttivo dell'Ucsi Lazio, appena eletto.

    Più presenza nel territorio, attenzione alla formazione dei giovani e alla dimensione più schiettamente culturale della professione per affrontare le sfide che interpellano l’informazione e il giornalismo nell’era dell’evoluzione tecnologica e dei social network. Questo l’impegno del nuovo direttivo dell’Ucsi Lazio eletto domenica 16 dicembre nella sede storica di via San Lorenzo in Lucina a Roma.

  • Gli obiettivi dell'Agenda 2030 nel racconto dei giornalisti

    Mentre in Scozia comincia la conferenza internazionale sul clima e sul futuro del pianeta, riproponiamo alcuni contributi maturati nel nostro recente percorso di avvicinamento alla 'settimana sociale' di taranto, dedicata proprio ai temi dell'ambiebte e del lavoro. Ci sono gli abstract delle ricerche di 'Università Salesiana e Ucsi. oltre ai contributi che aprono e chiudono il libro "Pensare il futuro". (ar.)

  • Gli obiettivi dell'Agenda 2030 raccontati dai giornalisti

    Mentre inizia in Scozia la conferenza internazionale sul clima, riproponiamo alcuni contributi maturato nel nostro recente percorso di avvicinamento alla 'settimana sociale' di taranto, dedicata proprio ai temi dell'ambiebte e del lavoro. Ci sono gli abstract delle due ricerche di 'Università Salesiana  e csi. e ci sono due contributi del libro "Pensare il futuro". (ar.)

  • Gli obiettivi dell'Agenda 2030 visti dai giovani. Ecco il volume (e la ricerca) 'Pensare il futuro'

    I giovani in maggioranza (51,5%) non conoscono l’Agenda 2030 e i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile e ritengono che l’informazione non ne parli abbastanza. In realtà, l’informazione mainstream si dice molto disponibile, ma tende ad occuparsi più dei temi che dell’Agenda in senso stretto. La distinzione può sembrare sottile, ma è sostanziale: gli obiettivi dell’Agenda non possono essere raggiunti se non attraverso la convergenza di scelte politiche, economiche, sociali e individuali. E non ci può essere convergenza sulle scelte se non c’è condivisione degli obiettivi, così come non si possono misurare progressi e regressi se non ci sono riferimenti comuni.

    La Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Salesiana e l’UCSI (Unione Cattolica della Stampa Italiana) hanno realizzato una duplice ricerca che riguarda l’Agenda, per indagare la conoscenza che ne hanno i giovani e l’atteggiamento che hanno sviluppato nei suoi confronti e per interrogare il mondo dell’informazione mainstream sullo spazio che ad essa viene dato e sulle modalità con cui vengono affrontati i temi che pone.

    I risultati dell’indagine e alcuni approfondimenti sono ora pubblicati nel volume “Pensare il futuro. I 17 obiettivi dell’Agenda visti dai giovani e raccontati dai giornalisti” (Ed LAS 2021).

    In allegato (vedi in fondo all'articolo) le sintesi estese della ricerca.

  • I 60 anni dell'Ucsi - Memoria, volti e progetti al servizio della comunità. Dall'entusiasmo degli inizi alla difficoltà, oggi, di arare un terreno aspro

    I sessanta anni dalla fondazione dell’Ucsi sono l’occasione per sostare e fare memoria del bene, ricevuto e fatto, come comunità di giornalisti credenti. All’inizio è stato un sogno di pochi, è poi diventata un’esperienza per molti, oggi rimane un fiume carsico al servizio della missione culturale del giornalismo italiano.

  • I giornali locali sono come i 'microclimi'. Raccontano i territori, la loro storia e la memoria. Incontro Ucsi-Fisc in Piemonte

    I giornali di carta sono destinati a scomparire sotto l'incedere dell'informazione on line? Quale può essere il futuro dei giornalisti nell'era di facebook, twitter, you tube, mezzi che "saltano" l'intermediazione, i filtri, il lavoro di chi si occupa di notizie e informazioni?

  • I giornalisti Ucsi a confronto con il Comitato delle 'Settimane Sociali'

    E’ durato quasi due ore il confronto a distanza tra il Consiglio nazionale dell’Ucsi, allargato anche ai direttivi regionali e ai giovani del progetto JOlab, e il Comitato scientifico delle “Settimane Sociali” della Cei.

  • I giovani e il messaggio del Papa per i giornalisti. Guarda il filmato

    La Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, quest’anno, si è caratterizzata, per l’Ucsi, per un inedito esperimento a distanza.

  • I giovani giornalisti dell'Ucsi e il messaggio del Papa per la giornata delle comunicazioni sociali

    Come forse ricorderanno i nostri lettori, la Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali  quest’anno si è caratterizzata anche, per l’Ucsi, per un inedito esperimento a distanza.

  • I giovani Ucsi alla scuola di Assisi

    La buona compagnia e il sentirsi parte di una grande famiglia. L’elevata qualità della formazione e il dinamismo dei laboratori. La suggestiva cornice della città di Assisi. Eccoli qui alcuni dei principali ingredienti dell’edizione 2017 della Scuola di Formazione dell’Ucsi, intitolata al giornalista vaticanista“Giancarlo Zizola”.

  • Il cardinal Bassetti ha ricevuto il nuovo presidente Ucsi. Con lo sguardo alla 'settimana sociale'

    Il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana e Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, ha ricevuto questa mattina a Perugia il neo-presidente dell’Ucsi, Vincenzo Varagona.

  • Il cardinal Martini, tra mass media e Vangelo. Convegno a Milano il 26 novembre

    A Milano, sabato 26 novembre dalle 9 alle 13 nell'Auditorium San Fedele di Via Hoepli 3b, l'UCSI Lombardia e la Fondazione Carlo Maria Martini propongono un evento dedicato al cardinale gesuita: nella prima parte della mattinata ci sarà un incontro, organizzato in partnership con la sezione regionale dell'Ordine dei giornalisti, sul rapporto tra Martini e i mass media; a seguire, la presentazione del secondo volume dell'Opera omnia, in collaborazione con Bompiani. Sono passati 25 anni dalla lettera pastorale dell'allora arcivescovo di Milano "Il lembo del mantello", in cui Martini concentrava la sua attenzione sui mezzi di comunicazione di massa (stampa, radio, televisione). A partire da un dialogo immaginario con il televisore, Martini tracciò i criteri di una comunicazione che fosse rispettosa della realtà e dell'uomo e che, proprio per questo, fosse in grado di diventare "lembo del mantello", ovvero strumento di educazione e di crescita.

    Si tratta di una lettera rivolta anche ai professionisti della comunicazione, ai quali il cardinale avanzava richieste precise in ordine alla libertà, alla dignità e all'etica professionale. Richieste ancora tremendamente attuali. Per questo l'evento rientra tra le proposte formative riconosciute dall'Ordine dei Giornalisti. Intervengono: Guido Formigoni, Ordinario di Storia contemporanea presso lo IULM, mons. Roberto Busti, vescovo emerito di Mantova, già portavoce del Cardinal Martini; padre Carlo Casalone, gesuita, presidente della Fondazione Martini. Porteranno la loro testimonianza tre giornaliste: Silvia Giacomoni, Maria Cecilia Sangiorgi ed Elisabetta Soglio. Tra le 12 e le 13, dopo un momento di pausa, ci sarà invece la presentazione del secondo volume dell'Opera omnia martiniana, edita da Bompiani in collaborazione con la Fondazione Martini. Nel volume I Vangeli. Esercizi spirituali per la vita cristiana vengono raccolti i corsi di esercizi dedicati ai quattro Vangeli tenuti da Martini in diverse occasioni e con diversi destinatari. I commenti ai Vangeli così raccolti diventano veri e propri percorsi spirituali nella tradizione gesuitica degli Esercizi di Sant’Ignazio: un’esperienza forte di conversione, per ascoltare, discernere e decidere. La presentazione del volume sarà a cura del prof. Guido Formigoni e di padre Carlo Casalone. L'evento sarà anche l'occasione per una prima anticipazione sulle iniziative in programma per il 2017, 90° anniversario della nascita di Carlo Maria Martini, in particolare il lancio del Progetto Archivio. Per i crediti formativi dei giornalisti (4) è necessaria l'iscrizione all'evento sulla piattaforma Sigef.

    fonte: comunicato stampa dell'iniziativa

  • Il compito che attende l'Ucsi in questo 2021

    Si è aperta una settimana delicata e difficile per il nostro Paese alle prese con una crisi politica che - indipendentemente dal merito delle questioni sollevate - acuisce il senso di precarietà e di incertezza con il quale convivevamo già da mesi. La pandemia ci ha reso tutti più fragili, ha cambiato i ritmi e le modalità della nostra vita e del nostro lavoro, e ha addensato nubi minacciose all’orizzonte di tanti, rischiando di compromettere in particolare il futuro dei più giovani. Che per noi sono quelli che abbiamo incontrato ad Assisi in questi anni e in qualche scuola di giornalismo presente in Italia, quelli che bussano all’Ucsi e quelli che fanno parte di associazioni e comunità a noi vicine, quelli che in diverso modo e per i più svariati motivi fanno parte dei nostri cammini o che incrociano. Non sono concetti astratti ma sono giovani che hanno volti, nomi, storie, domande, attese, inquietudini...

  • Il confronto con i giovani giornalisti in un nostro nuovo video

    Stavolta, nel consueto appuntamento della domenica, vi invitiamo non solo a leggere qualcosa, ma a vedere un filmato (presente nella home page del sito o anche qui). Lo hanno realizzato Giacomo Cocchi e Andrea Cuminatto, dell’Ucsi Toscana (Andrea è anche consigliere nazionale dell'associazione), in occasione del convegno di Antignano (Livorno) ‘Nuove reti, rinnovate professioni’.

  • Il contributo dell'Ucsi alla 'settimana sociale' di Taranto

    Pubblichiamo di seguito, alle vigilia dell’avvio della ‘settimana sociale’ di Taranto, l’introduzione di Vania De Luca al volume “Pensare il futuro” (a cura di Maria Paola Piccini e Paola Springhetti, leggi qui la presentazione).

  • Il contributo dell'Ucsi alla 'settimana sociale' su ambiente e lavoro

    Pubblichiamo di seguito l’introduzione di Vania De Luca al volume “Pensare il futuro” (a cura di Maria Paola Piccini e Paola Springhetti, leggi qui la presentazione).

  • Il dolore dell'Ucsi per la morte di Mariella Cossu

    E’ morta nella sua Sant’Antioco (SU) la giornalista Mariella Cossu, membro del Collegio dei garanti dell’Ucsi.

  • Il fuoco sotto la cenere nelle parole di Francesco all'Ucsi

    È già passato un anno da quando l’Ucsi è stato ricevuto da Papa Francesco in Vaticano. Insieme a lui avevamo ringraziato il Signore per i 60 anni di vita e di servizio dell’associazione.

  • Il futuro dell'informazione: a Roma il confronto promosso dall'Ucsi

    Si è svolto a Roma il forum "Pensare il futuro. Riflessioni sulla nostra informazione", promosso dall'Ucsi nella sua sede nazionale di via in Lucina.

  • Il giornalismo dopo il Covid: confronto di idee e proposte dopo il messaggio del Papa

    Sforzarsi di essere giornalisti visionari immaginando il mondo che abiteremo al termine della pandemia e cogliendo con responsabilità la sfida del digitale. Se ne è parlato il 26 gennaio all’Università Lumsa di Roma, a pochi giorni dalla diffusione del messaggio di Papa Francesco per la prossima Giornata Mondiale della Comunicazioni sociali 2022, “Ascoltare con l’orecchio del cuore” (leggi qui).