aiart

  • 'Occhi aperti davanti al video', l'iniziativa anti-violenza dell'Aiart

    L’Aiart dice ancora “basta alla violenza in tv” e lancia l’iniziativa “Occhi aperti davanti al video: l’Aiart rimborsa il canone. Rispondi anche Tu entro il 31 ottobre 2019”.

  • A Pistoia il confronto con Padula (Aiart). Uno stimolo per far incontrare 'giornalismo adulto' con 'cittadinanza adulta'.

    Da anni sono socio anche di AIART. E l’altra sera, in quel di Vignole di Quarrata, pianura pistoiese, luogo “magico” per l’impegno sociale dei cattolici (operò qui don Dario Flori, detto “Sbarra”, diffusore un secolo fa della dottrina sociale, prete che musicò “O Biancofiore, simbol d’amore”. Tanto per dirne una), sono andato volentieri ad ascoltare Massimiliano Padula. In AIART il professore ha raccolto il testimone da Luca Borgomeo e sta lavorando per “ri-posizionare” una associazione che nella sua antica sigla limitava l’oggetto alla tutela degli “ascoltatori”...

  • Didattica a distanza, il corso gratuito offerto da Aiart

    Didattica digitale - Educazione mediale”. Questo il tema del corso gratuito online organizzato da Aiart (associazione cittadini mediali).

  • Don Insero nuovo consulente dell'Aiart

    Don Walter Insero è stato nominato dalla Conferenza Episcopale Italiana consulente ecclesiastico dell’Aiart (Associazione italiana ascoltatori radio e televisione). 

  • Giovanni Baggio è il nuovo presidente dell'Aiart

    L'Aiart (Associazione italiana ascoltatori radio e televisione) ha scelto il suo nuovo presidente, che succede a Massimiliano Padula, ora al vertice del Copercom: è Giovanni Baggio, teologo e formatore (è dirigente scolastico dell'Istituto "De Filippi" di Varese).

  • Il nuovo sito dell'Aiart adesso è on line.

    Dal 21 novembre è online il nuovo sito istituzionale dell’Aiart www.aiart.org .   Pensato dalla Presidenza nazionale e realizzato da Pixel Fabrica, il sito intende essere lo spazio privilegiato d’incontro della realtà associativa che, dal 1954, educa e tutela gli utenti dei media.
    «La scelta dei due colori predominanti (rosso e blu) - spiega il Presidente Massimiliano Padula - rimanda immediatamente al nostro logo. Se il blu è il colore che solitamente richiama il cyberspazio, il rosso vuole esprimere il cuore e la passione che l’Associazione mette nel suo servizio quotidiano».
    Strutturato in cinque parti, il sito in alto riporta le macro-sezioni principali da cui si aprono a tendina le micro-sezioni. Suggestiva è la grande slide centrale che, attraverso un’immagine evocativa, introduce la notizia principale.
    Scendendo, si trova la sezione “L’Aiart in primo piano”, una sorta di palinsesto informativo per e dell’Associazione con notizie relative ai territori, media, cultura digitale e approfondimenti.
    Al piede, ben evidente è l’integrazione con i social (Instagram e Twitter) e il pdf dell’ultimo numero (scaricabile gratuitamente) della rivista associativa “Il Telespettatore”.
    Altri punti di forza sono la responsività, ovvero una navigazione significativa dai dispositivi mobili e la rubrica “I media visti dalla luna”, che intende ospitare riflessioni sul macrocosmo mediale attraverso uno sguardo “alto” e “altro”.

«Abbiamo voluto investire sul sito perché crediamo - aggiunge Padula - che possa diventare non soltanto un’opportunità di conoscenza dell’associazione, ma quel territorio privilegiato che ogni “cittadino mediale” può esplorare e abitare per sviluppare discernimento, senso di responsabilità e opportunità di condivisione».

    Fonte: Ufficio Stampa Aiart

    Agli amici dell’Aiart, con i quali condividiamo una comune sensibilità verso i temi dell’etica della comunicazione e adesso anche il fatto di aver appena varato un nuovo sito internet, l’Ucsi rivolge gli auguri di buon lavoro (ndr)

  • L'Aiart celebra i suoi 65 anni con un convegno a Milano

    Si svolge venerdì e sabato all’Università Cattolica di Milano il convegno dell’Aiart (Associazione Italiana Telespettator) dal titoloi “Contributi per una cittadinanza digitale: parole, linguaggi, responsabilità”.

  • Le tante occasioni (anche perdute) per far crescere la 'cittadinanza digitale'

    Per aiutare il diritto del cittadino a non essere ingannato dalla rete il mondo cattolico italiano avrebbe una potenza di fuoco.

  • Oltre l'alfabeto nell'avventura digitale' è il nuovo corso dell'Aiart

    Si svolgerà a Potenza dal 15 al 17 novembre il corso nazionale di formazione dell’AiartOltre l’alfabeto nell’avventura digitale”.

  • Padula (Aiart): 'dobbiamo formare ad una medialità consapevole'

    “La Settimana della Comunicazione e il Festival sono un’occasione per celebrare un mondo complesso e affascinante”. Lo scrive in una nota Massimiliano Padula, presidente dell’associazione di telespettatori e cittadini mediali Aiart, a proposito dei due eventi promossi da Paoline e Paolini per dare maggiore risalto al tema del Messaggio papale per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali (28 maggio): “Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo”.