Eventi

I principali appuntamenti promossi dall’Ucsi

Nasce Vativision, la prima 'piattaforma' religiosa globale

È nata VatiVision, una nuova piattaforma on demand che offre “contenuti di carattere culturale, artistico e religioso ispirati al messaggio cristiano”. VatiVision – scrivono ancora i suoi promotori- è “la prima piattaforma multidevice al mondo di contenuti multimediali ispirati al messaggio cristiano, rivolto a oltre un miliardo di persone nel mondo”.

Nasce dalla sinergia di Officina della Comunicazione, società di produzione cinematografica, e Vetrya, azienda tecnologica italiana che si occupa dello sviluppo di servizi, piattaforme e soluzioni digitali.

Le principali aree sono Cultura, Arte e Fede.

«Penso che un progetto di piattaforma di distribuzione multimediale caratterizzato dalla verticalità di offerta possa senz’altro rispondere ad un’esigenza molto diffusa: quella di poter accedere a contenuti di qualità e di spessore valoriale altrimenti introvabili, dispersi, dimenticati. Sono felice per questo che VatiVision distribuirà anche alcuni prodotti realizzati in collaborazione con Vatican Media» ha commentato Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, tra i promotori dell’iniziativa.

La soluzione non prevede nessun abbonamento, ma si basa sul modello “vedo quello che voglio, dove voglio”.

Vativision può essere vista in tutto il mondo con ogni dispositivo fisso e mobile.

Editoria religiosa, la rassegna si sposta in tv

La rassegna “Ascoltare, leggere, crescere” passa in tv. La nuova edizione (la quattordicesima) degli incontri con l’editoria religiosa, che avrebbe dovuto svolgersi all’inizio dell’autunno, si svolgerà tutta a distanza e i confronti saranno poi adattati al mezzo televisivo.

Un nuovo filmato dei giovani Ucsi: come cambia il giornalismo dopo la pandemia?

La condivisione di idee porta sempre buoni frutti. E alcuni giovani giornalisti dell’Ucsi stanno dando corpo e gambe ad un piccolo ma ambizioso progetto della nostra associazione. Quello di renderli protagonisti, anche nella riflessione pubblica sui temi del giornalismo e della comunicazione.