VIDEO - 'Conoscenza, vigilanza e coscienza' per rapportarsi all'intelligenza artificiale

Il tema della giornata delle comunicazioni sociali di domenica 12 maggio sul tema dell’Intelligenza artificiale in rapporto alla sapienza del cuore è stato al centro del corso di formazione professionale proposto al Vigilianum dalla sezione Ucsi del Trentino Alto Adige in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti, il Servizio Comunicazione della Diocesi e Vita Trentina Editrice.

QUI LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELL'EVENTO

Moderati da Diego Andreatta, neo presidente Ucsi e direttore di Vita Trentina, sono intervenuti Roberto Battiston, docente di fisica sperimentale all’Università di Trento, già presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana; Alessandra Costante, giornalista, segretaria nazionale della Fnsi; Maurizio Napolitano, ricercatore presso Fbk. I tanti giornalisti presenti hanno inoltre potuto ascoltare un video intervento di Andrea Tornielli, direttore di Vatican Media.

Con ottiche diverse ma complementari, i relatori hanno messo a fuoco con efficacia le nuove sfide poste dall’Intelligenza artificiale all’informazione giornalistica, in termini professionali (veridicità delle fonti, criteri di utilizzo, diritti d’autore, ecc..), deontologici (tutela delle persone, diritto all’oblio, ecc) e sindacali (l’impatto dell’IA nell’organizzazione all’interno delle aziende editoriali).

A fare da sfondo alla mattinata, la certezza che i rapidi sviluppi tecnologici non possono prescindere dalla creatività umana a cui spetta un ruolo dominante sia in termini di progettazione (le macchine, prive di razionalità, vengono progettate e istruite dall’uomo sulla base di dati pregressi prodotti dall’intelligenza umana) sia in termini di verifica nell’utilizzo finale dei dati prodotti dalle macchine stesse, in particolare quelle che simulano il linguaggio naturale e potrebbero gradualmente “sostituire” l’opera di un redattore.

Da questo punto di vista – ed il corso ne ha offerto una dimostrazione pratica ai tanti giornalisti presenti -, non va demonizzato un uso professionale di strumenti come Chat-GPT, di cui però è bene avvalersi in modo competente, con la consapevolezza delle loro potenzialità ma anche dei limiti intrinseci: “In verità ha l’intelligenza di un rastrello”, ha stigmatizzato Battiston. “Conoscenza, vigilanza e coscienza” sono le tre parole chiave ribadite a sintesi di una ricca proposta formativa, i cui materiali (slides) saranno resi pubblici a breve su questo portale, insieme alla registrazione integrale della mattinata.

IL VIDEO DELL'INCONTRO

Ultima modifica: Mar 4 Giu 2024