Opinioni

Piccoli editoriali per la condivisione e il confronto

C'è una via di uscita alla crisi del giornalismo? - 1/Laura Badaracchi

All’indomani dell’evento per i 60 anni dell’Ordine dei giornalisti e pochi giorni dopo le celebrazioni e gli incontri dell’Ucsi in tutta Italia per san Francesco di Sales, ospitiamo sul nostro sito un primo contributo sul “futuro della professione”. L’autrice è la giornalista Laura Badaracchi, che con un suo articolo sulle donne che portano avanti una gravidanza con diagnosi infausta (Famiglia Cristiana, numero 37 del 2022) ha ricevuto il premio “Natale Ucsi2022. Laura è una delle giornaliste più attente e preparate sulle questioni sociali.

'Lolo', il giornalista 'santo' dei giorni nostri

A pochi giorni ormai dalla festa di San Francesco di sales, patrono dei giornalisti, che morì 400 anni fa, riproponiamo il ritratto che la nostra Francesca Polacco fece di “Lolo”, Agustin Lozano López, che Papa Framcesco durante il discorso ai giornalisti dell'Ucsi (23 settembre 2019, vedi qui) e nel messaggio per la giornata delle comunicazioni sociali del 2021 (qui il link) aveva indicato come "un bell'esempio da seguire".

Campione sempre. Dedicato a Vialli

Ricordo come se fosse adesso quella mattina d’estate del 1992. Sono trascorsi più di 30 anni, eppure se chiudo gli occhi potrei dire che è successo dieci minuti fa: mio fratello Francesco che urla sotto la terrazza di casa nostra, che sventola la prima pagina di Tuttosport come se fosse una bandiera... “Ricca, abbiamo preso Vialli! È il più forte, si vince tutto!”.

Le tante strade incrociate con David Sassoli

Il 9 gennaio a Roma c'e stata la presentazione del libro “La saggezza e l’audacia”, che raccoglie 56 discorsi dell’ex presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. La prefazione è del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il libro è stato curato dal giornalista Claudio Sardo. L'Ucsi ha dedicato al compianto giornalista Sassoli la propria scuola di formazione di Assisi, qui il ricordo che ne fece il presidente Varagona all'indomani della sua morte.

In cammino con i Magi

Magi voi siete i santi più nostri,

naufraghi sempre in questo infinito,

eppure sempre a tentare, a chiedere,

a fissare gli abissi del cielo

fino a bruciarsi gli occhi del cuore.

(David Maria Turoldo)

I magi si sono messi in cammino da tempo, lasciando le loro case nel lontano oriente per recarsi a Gerusalemme. Si sono fidati di quanto hanno visto, si sono lasciati guidare da una stella e dal desiderio di adorare un bimbo, il re dei Giudei appena nato. A nostra volta possiamo lasciarci guidare dai magi.