Opinioni

Piccoli editoriali per la condivisione e il confronto

L'etica globale dei giornalisti nel raccontare gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile

Stiamo attraversando ancora la più grande crisi sanitaria (e, di riflesso, economica e sociale) dal dopoguerra. Oggi riproponiamo dalla nostra rivista Desk un bell'articolo di Luciano Larivera sugli obiettivi 'ambientali' della comunità internazionale. E' quanto mai attuale, indica una strada che adesso, dopo il Covid, dovremo percorrere con maggiore tenacia, Si lega in maniera forte alla ricerca che stiamo conducendo, come Ucsi, insieme all'Univesrità Salesiana (leggi qui).  L'autore, Padre Luciano Larivera, gesuita, giornalista e uomo di cultura, è ora il nuovo segretario per gli affari europei al Jesuit European Social Centre di Bruxelles (ar)

Apriamo un confronto con chi ci legge ogni giorno

Adesso la nostra sfida è ancora una volta quella di migliorare il nostro sito (leggi qui), non certo per una questione estetica o per attrarre più navigatori. Non ci interessa con queste pagine (fatte tutte da volontari) essere “alla moda”, ci preme tuttavia far notare alcune cose che scriviamo e rilanciamo. E in questo modo aprire un confronto con chi ci legge.

Giovani giornalisti al Sud: 'La professione che conoscevamo non esiste più'

Amico mio, ti dico la verità, non credo più nella possibile redditività di questo mestiere: sono stanco di inseguire persone, progetti, compensi. Tutti chiedono tanto ma non danno nulla”. Andrea (nome di fantasia) è uno dei colleghi più in gamba che conosca nel panorama del giornalismo sportivo della Sicilia orientale, ma è uno dei tantissimi che sembra gettare la spugna rispetto all’idea di fare il giornalista. Non è poi così tanto “giovane” essendo vicino ai 40 anni: ma per una società che rifiuta l’idea dell’età adulta, dell’anzianità o della morte, probabilmente è talmente giovane da dovere essere ancora ritenuto uno che deve lavorare pressoché gratis per “fare la gavetta... 

Il duro compromesso per i giovani giornalisti. E la dignità che sarebbe necessaria

Non si trovano lavoratori”: questo sembra il tormentone della stagione estiva 2021, una frase che nelle ultime settimane riecheggia costante nei servizi televisivi dedicati ai ristoratori, agli albergatori, agli stagionali della villeggiatura estiva. Suona strano che tale criticità emerga proprio da quei settori che più di altri hanno subito le drastiche conseguenze della chiusura prolungata, da quei settori nei quali, verrebbe naturale pensare, al primo spiraglio di riapertura le scrivanie dei dirigenti dovrebbero riempirsi dei CV di giovani pronti finalmente a lavorare dopo tanto tempo fermi...

E il mio maestro mi insegnò com'è difficile trovare l'alba dentro l'imbrunire

E guarirai da tutte le malattie. Perché sei un essere speciale. Ed io, avrò cura di te”: questo vorremmo poter dire a Francesco Battiato, per tutti Franco, che ci ha lasciati in queste ore, dopo aver accompagnato generazioni di italiani dall’inizio degli anni ’70.